Respirazione artificiale - Primo Soccorso

Qualsiasi arresto della respirazione di durata superiore ai 4 minuti circa è in grado di provocare danni permanenti al cervello dell'infortunato.

La respirazione artificiale bocca a bocca è l'unico metodo capace di indurre aria nei polmoni della vittima finché riprende la respirazione spontanea.

La respirazione artificiale bocca a bocca

  1. Per rimuovere le ostruzioni delle prime vie aeree, ruotate di lato la testa dell'infortunato e liberategli la bocca da secrezioni, eventuali protesi e corpi estranei.
  2. Tenendo una mano sulla fronte e l'altra sotto il collo, inclinate all'indietro la testa per aprire le vie aeree.
  3. Chiudete con due dita il naso dell'infortunato e soffiategli profondamente nella bocca, con buona pressione ma lentamente. (Per lattanti o bambini piccoli, appoggiate le labbra contemporaneamente attorno al naso e alla bocca e soffiate gentilmente).
  4. Dopo ogni insufflazione, girate il capo per constatare l'abbassamento del torace. Praticate un'insufflazione ogni 4-5 secondi, cioè al normale ritmo della vostra respirazione (per lattanti o bambini piccoli, respirate un po' più velocemente).
  5. Quando il respiro riprende, mettete l'infortunato nella posizione di sicurezza (vedi Stato di incoscienza).
Immagine

Inviaci un tuo Feedback





Inserisci il codice sottostante:



Informazioni sulla Privacy Policy
Immagine